Piattaforme per blog: le 5 migliori del 2022, caratteristiche e quale scegliere

Piattaforme per blog: blog è in realtà l’abbreviazione del termine “web log” registro web, cioè una pagina web dedicata ai contenuti.
Il blog è un diario online aggiornato costantemente, che permette di mantenere il contatto con il mondo esterno, pubblicando contenuti in maniera continuativa.

Cosa sono le piattaforme per blog

Il blog è uno strumento che punta a una relazione in tempo reale con target di pubblico molto precisi e privilegiati rispetto al tema e all’argomento trattati.

È l’anima stessa del sistema Social, l’essenza della condivisione tematica.

Cosa sono le piattaforme per blogI blog si differenziano infatti per categorie, sulla base dell’argomento trattato: food, beauty, travel, tech ma anche gossip, design, arte e cultura.
Gli obiettivi che muovono alla creazione di un blog possono essere differenti: il semplice desiderio di condividere esperienze, la necessità di instaurare un dialogo diretto con il proprio pubblico per meglio comprenderne le esigenze e le istanze.
Tuttavia oggi molto spesso i blogger sono scrittori che hanno fatto di questo strumento una valida alternativa alla pubblicazione.

Di rilievo è la funzione del blog per un’azienda, dove il blog diventa uno strumento di marketing in grado di accorciare la distanza con i clienti e, soprattutto, di rispondere alle domande dirette, alle perplessità in tempo reale.
Non più in questo caso un diario, ma quasi più una sorta di sportello di confronto che permette di comprendere le esigenze della clientela, affinando la tecnica di promozione e marketing.

Non bisogna confondere il blog con il sito, poiché oggi le piattaforme per i blog hanno una dimensione a se stante che prescinde dai siti.
Il blog può infatti essere parte di un sito e tuttavia è uno spazio di dialogo e di marketing che prescinde, essendo piuttosto un modo per pubblicare contenuti online.

A cosa servono le piattaforme per blog

Quando si parla di una piattaforma per blog ci si riferisce in realtà al Content Management Systems CMS, quindi software che rendono possibile, semplificandola, la pubblicazione dei contenuti permettendo di mettere in evidenza gli ultimi scritti.
A prescindere dall’utilizzo che si desidera fare del blog, degli interessi e degli obiettivi che ci si prefiggono, il primo passo per la creazione di uno spazio di comunicazione diretto con il mondo è scegliere la piattaforma.
Insieme alla piattaforma specifica per blog è necessario scegliere una piattaforma di hosting, cioè è necessario acquistare uno spazio o dominio, che consente di archiviare ciò che viene pubblicato, permettendo di rendere disponibile la propria pagina, il proprio sito il proprio blog.

Come funzionano le piattaforme per blog

Nel momento in cui si è scelta la piattaforma, è necessario acquisire il nome del dominio, cioè il nome che permetterà al pubblico di trovare e riconoscere lo spazio dentro al quale andremo a pubblicare i contenuti.
Come funzionano le piattaforme per blogAttraverso la piattaforma si scelgono stile e temi, con un occhio sempre alla garanzia della massima funzionalità e alla semplicità di utilizzo.
La piattaforma stessa conduce alla scelta migliore relativamente ai contenuti e al target al quale ci riferiamo.
Non bisogna infatti dimenticare che il blog è una vetrina importante e viva delle attività svolte, dove l’immagine è elemento portante.
La piattaforma permette di pubblicare assegnando una data al post o all’articolo.
I software utilizzati permettono inoltre di taggare i contenuti pubblicati, taggando per argomento, quindi rendendo maggiore visibilità e facilità di ricerca all’interno del blog stesso.
La piattaforma permette inoltre di taggare molte parole chiave che costituiscono le impronte della mappa di ricerca per gli utenti.
La piattaforma ha normalmente il supporto SEO.

Quali sono i vantaggi nell’utilizzo delle piattaforme per blog

I vantaggi nella creazione di un blog attraverso una buona piattaforma sono molti, ovviamente in funzione degli obiettivi privati o aziendali:

  • farsi conoscere
  • esprimere i propri interessi
  • esprimere i propri talenti
  • condividere i progetti
  • creare visibilità al proprio prodotto o alla propria opinione.
  • creare un valore aggiunto per il pubblico
  • accorciare le distanze con il proprio pubblico o i propri clienti
  • utilizzare SEO per il posizionamento in rete
  • creare mailing list per mantenere aggiornati pubblico o clienti
  • coltivare l’interesse del pubblico o dei clienti nella costanza della pubblicazione
  • acquisire nuovi contatti ampliando il proprio mercato o il proprio target
  • guadagnare maggiore visibilità
  • ottenere feedback costanti delle proprie scelte di pubblicazione o sui servizi o i prodotti
  • affinare costantemente le proprie abilità di comunicazione o di marketing
  • utilizzare immagini e temi che amplifichino la portata della comunicazione.

 

Quali sono i vantaggi nell'utilizzo delle piattaforme per blogUn blog rispetto a un sito ha una dinamicità che lo rende maggiormente in linea con le esigenze di oggi.
Il blog rappresenta la proiezione in rete della relazione diretta con il proprio pubblico; la possibilità di giocare nella comunicazione sul coinvolgimento diretto e costante.
A ogni domanda la possibilità quindi di una risposta.
Uno strumento in divenire costante che rende più concreta la comunicazione virtuale, accelerando i tempi di interazione.

Come scegliere tra le piattaforme per blog: vantaggi e funzionalità

Oggi sono molte le aziende che offrono servizi gratuiti o a pagamento per la creazione e la gestione di un blog.
La differenza nella scelta è inevitabilmente legata agli obiettivi e alla tipologia di blog che si desidera creare.
Se la scelta è rivolta a un blog personale, dove devono essere pubblicati contenuti individuali relativi ad opinioni o immagini o interessi semplicemente da condividere con gli altri, allora una piattaforma gratuita è in grado di assolvere alle necessità.
Se invece il blog è destinato ad un uso lavorativo, commerciale o comunque pubblico, allora è preferibile scegliere piattaforme a pagamento.

Svantaggi di una piattaforma per blog gratuita

Una piattaforma gratuita nonostante la semplicità di gestione, tuttavia presenta alcuni svantaggi:

  • prestazioni piuttosto limitate, per esempio relativamente allo spazio web messo a disposizione
  • la piattaforma rimane proprietaria del blog, quindi bisogna sottostare alle regole della piattaforma, esattamente come accade su un social
  • i temi a disposizione sono normalmente abbastanza limitati, così come non viene consentito l’uso di plugins, cioè di estensioni dei programmi, né del codice HTML
  • con le piattaforme gratuite inoltre non è possibile sottrarsi alla pubblicità
  • normalmente non sono in grado di offrire un posizionamento certo e questo a prescindere dalle keyword, cioè dalle parole chiave inserite o dalla scrittura in ottica SEO.

Vantaggi di una piattaforma per blog gratuita

Dall’altra parte i vantaggi che un blog gratuito offre sono:

  • il costo zero
  • la possibilità comunque di essere visibile e sempre online
  • la semplicità di utilizzo che non comporta nozioni di linguaggio specifico di programmazione
  • strutture molto agili già predisposte per l’inserimento dei contenuti e delle immagini
  • la possibilità di passare con il tempo e l’aumentare delle esigenze a pacchetti più importanti anche se comunque a prezzi molto contenuti.
  • alcune, non tutte permettono di conservare una copia in backup del blog per essere pronti ad eventuali trasferimenti su altre piattaforme più complesse e professionali.

Vantaggi e svantaggi di una piattaforma per blog a pagamento

Se invece l’esigenza è di un blog professionale o comunque una piattaforma che consenta maggiori estensioni ed applicazioni, allora la scelta deve necessariamente virare verso una piattaforma a pagamento.
I vantaggi fondamentali sono:

  • avere un dominio personalizzato in ogni dettaglio
  • estensioni ed applicazioni maggiori e professionali
  • programmare interamente il sito o il blog
  • avere a disposizione una grande quantità di temi che assicurano la perfetta personalizzazione
  • la possibilità di utilizzare banner pubblicitari aprendo anche a un guadagno
  • la garanzia di una immagine più professionale e quindi maggiore credibilità presso gli utenti e il pubblico

Gli svantaggi di una piattaforma a pagamento sono essenzialmente di due tipi:

  • il costo, sebbene non sia necessariamente eccessivo
  • una maggiore difficoltà di gestione. Sicuramente avere a disposizioni maggiori estensioni e strumenti più avanzati comporta una certa competenza.

Quali sono i costi delle piattaforme per blog

Il costo di apertura e mantenimento di un blog varia a seconda delle esigenze e delle prospettive che si hanno.

Quali sono i costi delle piattaforme per blog

Si va dal costo zero delle piattaforme gratuite, con tutti i vantaggi e i limiti già analizzati, a un costo base di apertura, per piattaforme più professionali, che oscillano dai 39 ai 400 euro.
Altro discorso è invece quello relativo al mantenimento su piattaforme professionali, costo che può arrivare anche a diverse migliaia di euro quando l’esigenza è di fare anche e-commerce, a fronte di un impegno full time di gestione.

Le 5 migliori piattaforme per blog: quale scegliere (Aggiornamento 2022)

Hostinger – WordPress

Semplice, versatile, adatta al professionismo poiché mette a disposizione grandi estensioni e funzioni avanzate.
Plug in e template sempre diversi e velocemente a disposizione.
Plug in per ogni esigenza, soprattutto mirati agli aspetti commerciali e alla possibilità di migliorare la relazione diretta con gli utenti.

Blogger

Piattaforma completamente gratuita, estremamente semplice e intuitiva nell’utilizzo.
Adatta a chi non ha grande esperienza e conoscenze specifiche in materia di gestione di pagine o siti.
Utilizzabile facilmente con Google da un punto di vista dell’integrazione pubblicitaria e dell’indicizzazione.

Medium

Piattaforma gratuita semplice e veloce.
Adatta anche a un professionista anche se presenta alcuni limiti in tema di ottimizzazione SEO.
Ovviamente il blog rimane di proprietà della piattaforma.

Wix

Wix è oggi la piattaforma scelta da molti professionisti e da piccole aziende per la creazione dei siti e la creazione e gestione dei blog.
Offre la scelta dell’opzione sia gratis che a pagamento, ovviamente con differenze di estensioni e funzionalità.
Per utilizzarla non sono necessarie competenze informatiche.
Offre dei template predefiniti ai quali è possibile apportare ben poche modifiche.

Squarespace

Squarespace è una piattaforma estremamente semplice da utilizzare,
L’utente ha a disposizione un grandissimo numero di font, colori e configurazioni fra le quali scegliere.
Indubbiamente Squarespace si classifica come la piattaforma di più semplice utilizzo.

Aprire un blog, utilizzando una piattaforma performativa, è una scelta non soltanto di immagine, ma soprattutto di contenuto.

È un modo per affacciarsi nel mondo dando rilievo alla scrittura e alla comunicazione.
Un blog è un biglietto da vista importante per farsi conoscere e per dare spazio ai propri talenti.

 

Lascia un commento