Software ERP: i 5 migliori del 2021, caratteristiche e quale scegliere

Elevata complessità, dinamismo e forte concorrenza. È così descrivibile lo scenario all’interno del quale operano le aziende negli ultimi anni, un contesto dove anche il più piccolo errore può avere delle conseguenze molto gravi per l’impresa e dove è bene velocizzare e ottimizzare al meglio ogni singolo processo organizzativo e gestionale. I software ERP, Enterprise Resource Planning ovvero pianificazione delle risorse d’impresa, si inseriscono proprio in questa esigenza dell’aziende di gestire, e possibilmente integrare, tutti i suoi più importanti processi di business. Tutti i processi, dalle vendite agli acquisti passando per la contabilità e la gestione delle giacenze del magazzino. 

Cos’è il software ERP

I software ERP si basano su un’architettura client-server, ovvero una rete nella quale tutti i diversi client possono inserire i dati dei vari comparti aziendali che andranno a confluire in un server condiviso. Ecco, dunque, che un ERP al suo interno è costituito da una serie di moduli, tra loro integrati, per essere funzionali all’interna attività dell’azienda. Questi sono solitamente amministrazione e finanza, controllo di gestione, logistica e magazzino, produzione, commerciale, post-vendita e gestione del personale.

Le prime tracce di ERP possono essere trovate nella produzione, dove il modello della quantità dell’ordine economico (EOQ) è stato sostituito dal modello di Pianificazione delle risorse materiali (MRP). Strumenti sviluppati alla fine degli anni ’60, che sono stati infine sviluppati negli strumenti di pianificazione delle risorse (MRP-II). Le pratiche ERP moderne sono iniziate negli anni ’90 a causa dell’ascesa del software per computer integrato nelle attività aziendali quotidiane, facendo in modo che i produttori gestiscano i loro rapporti di filiera, controllino l’inventario, l’automazione della contabilità e molto altro.

A cosa servono i software ERP

Grazie a questi sistemi informatici le aziende possono includere in un unico “luogo” tutti i dati provenienti anche da comparti differenti del business. I programmi ERP creano dunque dei collegamenti tra diverse fonti dell’organizzazione e ne fanno una sintesi che andrà ad evitare che lo stesso dato possa essere duplicato o che, peggio, vada perso. Il processo è dunque sintetizzabile in questo modo: ogni comparto dell’impresa genera dati e informazioni, le quali vengano inseriti nel programma ERP che le elabora e le mette in contatto con quelle degli altri settori al fine di produrre un’unica fonte affidabile per l’azienda.

I software ERP sono diversi e spesso alcuni di essi si specializzano per settori economici. Ma quali sono i migliori software ERP del 2021?

Oggi, ERP si trova in vari settori, non solo nella produzione. Il software ERP è ora disponibile da piattaforme in hosting su cloud. Ci sono diversi tipi di ERP progettati per diversi settori per soddisfare le loro esigenze specifiche, ad esempio:

  • ERP per l’abbigliamento: l’industria dell’abbigliamento deve affrontare molte conversioni delle tendenze e delle stagioni della moda.
  • ERP per l’agricoltura: questo ERP è una soluzione all-in-one per la coltivazione, produzione, lavorazione e distribuzione di piantagioni.
  • ERP per l’edilizia: gli appaltatori devono mantenere il controllo del lavoro, dei materiali, delle attrezzature e dei subappaltatori che hanno impostato per un lavoro. Il software ERP aiuta la gestione delle attività di costruzione.

I vantaggi nell’utilizzo di una soluzione ERP

I software ERP sono dei veri e propri sistemi integrati capaci di creare una struttura di dati che permetta l’integrazione di persone, processi e tecnologie. Quest’elemento rappresenta il principale vantaggio dell’utilizzo degli ERP nelle aziende in quanto, nell’era moderna, non è più sufficiente abbattere il costo delle materie prime, ma serve ottimizzare le stesse al massimo attraverso processi aziendali organizzati. Tale aspetto impedirà, o comunque ridurrà, gli sprechi e gli errori dati spesso da settori che lavorano in autonomia e non comunicano con la restante parte dell’azienda. È un flusso continuo di dati e informazione elaborati, raccolti e condivisi seguendo stabiliti principi di coordinamento.

Tra i principali vantaggi per un’azienda nell’utilizzo di un programma ERP vi è anzitutto un controllo sui costi operativi e la possibilità di evidenziare in breve tempo eventuali carenze di questo o quel comparto. Inoltre, un funzionale software ERP permette di:

  • Automatizzare e standardizzare i principali processi operativi fondamentali, il che renderà l’azienda snella nelle sue diverse aree. Un operatore economico che agisce in maniera agile ed efficiente commetterà meno errori, ridurrà i tempi di lavoro e soprattutto otterrà un migliorano sostanziale della propria performance;
  • Migliorare il controllo e il reporting, in quanto tutte le informazioni delle varie fasi operative dell’azienda sono raccolte in un unico database. Da questo sarà molto facile elaborare un report di fine periodo, lo stato patrimoniale, il bilancio di verifica o i rendiconti finanziari. Nei più evoluti software ERP è possibile anche ottenere grafici e tabelle che, in maniera ordinata, forniscano in pochi semplici click all’imprenditore le analisi di cui ha bisogno per comprendere come lavora la propria azienda;
  • Migliorare i risultati dei vari comparti aziendali, in quanto permette di tenere traccia di tutto quello che avviene in un’azienda anche di grandi dimensioni. Il collegamento che ne nasce tra le varie aree crea, come accennato in precedenza, un coordinamento che aumenta l’efficienza e permette di individuare in tempo utile eventuali errori
  • Sviluppare il proprio business, riducendo gli sprechi, aumentando la produttività e ottimizzando i tempi di produzione.

 

Come scegliere un software ERP: caratteristiche e funzioni

La scelta del programma ERP più adatto alla propria azienda andrà necessariamente commisurata con le caratteristiche proprie di ogni realtà economica e con gli obiettivi che questa intende raggiungere. Importante sarà poi tenere conto delle proprie potenzialità economiche e di investimento su un sistema ERP e considerare che ci sono tanti software che sono stati sviluppati e studiati per specifici settori economici.

Questi sistemi sono progettati per aziende di tutte le dimensioni, il che può essere più appropriato per le piccole e medie imprese.

ERP open source: come ogni software open source si può ispezionare, modificare e migliorare il codice sorgente ERP. Con un ERP open source, puoi personalizzare la tua applicazione per adattarla meglio al tuo flusso di lavoro.

ERP basato su cloud: ogni software ERP AS-A-Service (SaaS) è disponibile tramite un servizio di cloud hosting.

ERP ibrido: sistemi di pianificazione delle risorse aziendali che stabiliscono la distribuzione dei dati sia su sistemi locali che basati su cloud.

Costi medi di un sistema ERP e limiti

Se la tua azienda ha sedi in tutto il mondo, hai bisogno di un modo per rimanere in contatto con tutti, indipendentemente dai fusi orari e dalle barriere linguistiche.

Falsi errori di comunicazione tra il tuo fornitore di materie prime e il centro di distribuzione possono portare a costosi errori di inventario. Esistono anche canali interni privati ​​per la comunicazione immediata, chat o messenger.

La gestione dei rischi e la sicurezza dei dati che la tua azienda da pratiche fraudolente è più importante che mai nell’era digitale. Se la tua azienda lavora online in qualsiasi modo, puoi essere a rischio.

Se la tua azienda tratta molti dati sensibili, l’utilizzo di un unico sistema ERP fornisce sicurezza mantenendo tutta la tua documentazione e le comunicazioni importante in un unico posto.

Il budget medio per utente per un progetto ERP è di 7mila euro. Quando si tiene conto del numero di utenti che il sistema può avere (soprattutto per le aziende più grandi) e dei costi aggiuntivi, scoprirai che un’implementazione ERP può costare tra 100mila e 500mila euro per un’azienda di dimensioni medio-grandi.

I migliori sistemi ERP: quale scegliere (aggiornamento 2021)

Oracle NetSuite ERP, un’unica piattaforma unificata nel cloud in grado snellire e rendere efficaci i processi di contabilità, CRM ed e-commerce. Da diversi esperti è considerato il software ERP numero 1 al mondo.

Focus 9, ideale per tutti i tipi di imprese, dalle più grandi alle più piccole, e in grado di rendersi adattabile in più settori verticali.

TallyPrime, leader in India per GST, contabilità, inventario, banche e buste paga. Viene utilizzato molto anche in tutto il mondo e da anni è in ascesa come software di gestione aziendale che mina al primato dei concorrenti.

TCS iON, sviluppato principalmente per le piccole e media imprese e per gli istituti d’istruzione. Il modello IT-as-a-service permette l’automatizzazione dei processi e fornisce soluzioni di digitalizzazione scalabili.

MMI XPERT, un software ERP completo e ideale per tutte quelle realtà economiche che cercano una crescita significativa. Ideale per le piccole e medie imprese che gestiscono la loro attività in un unico punto vendita.

Lascia un commento